Riabilitazione Implantoprotesica di paziente totalmente edentulo con canino incluso mascellare

di Giorgio Ban

Per vedere questo video gratuitamente
entra o registrati
Entra/Registrazione

Categoria:

Caso Clinico

Età

50

Età

Maschio

Fattori di rischio

Bruxismo, Altro

Altro fattore di rischio

Fattore di rischio legato alla pregressa malattia parodontale

Situazione clinica

Paziente edentulo in entrambe le arcate,presenza di canino incluso mascellare. Il paziente lamenta disagio funzionale, estetico e sociale.

Piano di trattamento

Procedura di carico immediato nell'arcata inferiore. Chirurgia Flapless nell'arcata superiore e contemporanea estrazione del canino attraverso un piccolo lembo vestibolare.

Commenti fase chirurgica

La programmazione digitale del caso clinico ci ha permesso di gestire anche questa situazione complicata dalla presenza di un canino incluso in maniera minimamente invasiva. L'unica variazione rispetto al nostro protocollo abituale è stata l'adozione in questo caso di un carico ritardato.

Commenti fase protesica

Abbiamo costruito una protesi di tipo dentale che ha seguito le indicazioni della progettazione eseguita in fase di studio del caso e successivamente testata col provvisorio. Nella protesi finale, delle corone in Disilicato di Litio sono state cementate al di sopra di strutture in Zirconio.

Commenti finali

Il risultato finale soddisfa pienamente il paziente dal punto di vista funzionale, estetico e sociale. Il paziente ha sperimentato pochissimo disagio post-operatorio durante il trattamento e questo è stato un ulteriore motivo di soddisfazione. Molto buona anche la compliance del paziente, inserito in un rigoroso programma di supporto, come dimostrato dal controllo radiografico a 5 anni.

Antonio Guida 5 mesi e 3 settimane fa

Nonostante la chirurgia guidata non abbia evitato "tout court" l' apertura di un lembo d' accesso durante il trattamento, trovo brillante l' applicazione per ottimizzare gli assi implantari ed evitare il ricorso a terapie rigenerative ossee nei settori posteriori.
Anche nella mia esperienza, la gestione di un piccolo lembo con minimo scollamento non apporta particolari disagi al paziente e ripaga con una migliore quantità e qualità di gengiva aderente perimplantare.
Veramente apprezzabile il follow up dal punto di vista chirurgico e protesico.
Entra per lasciare un commento