Implantologia ortognatica: una nuova soluzione avanzata per il trattamento di pazienti con dentizione a deterioramento avanzato e malocclusioni

di Egon Euwe

Per vedere questo video gratuitamente
entra o registrati
Entra/Registrazione
Il trattamento dell’arcata edentula, introdotto da P.I. Brånemark, è andato incontro a diverse evoluzioni. I precursori posizionavano di routine 4-5 impianti nella zona interforaminale della mandibola, a supporto di una protesi fissa con denti in resina. Successivamente, l’obiettivo divenne il posizionamento di impianti nel mascellare superiore. Il miglioramento delle tecniche chirurgiche, i protocolli di carico immediato e notevoli innovazioni protesiche, ad esempio il miglioramento della precisione, il fit passivo e soluzioni estetiche in ceramica, hanno completato il panorama. Nell’ultimo decennio, un numero sempre crescente di pazienti con dentizione in via di fallimento è stato trattato dopo l’estrazione con impianti che hanno offerto loro una “terza dentizione fissa”. Questo ci ha dato una chiara visione di come era possibile modificare le posizioni dei denti con le protesi supportate da impianti, e con ciò la relazione ortognatica dei mascellari. I cambiamenti dell’estetica facciale indotti dal trattamento sono parte dell’importante costruzione diagnostica. Il software NobelClinician® e le accresciute capacità di monitoraggio e di pianificazione dei tessuti duri e molli, associati alle protesi supportate da impianti, vengono proposti come il più evoluto strumento digitale in questo trattamento relativamente nuovo e complesso chiamato Implantologia Ortognatica.
Entra per lasciare un commento